Responsabilità Legale delle Persone Giuridiche: Caso di Transnazionalità

A causa dell’importanza del Corporate Compliance sia a livello nazionale che internazionales, Bufete Escura ha confezionato una circolare per informare sulla responsabilità penale delle persone giuridiche, cui sta generando un crescente organo giurisprudenziale che sviluppa le disposizioni giuridiche in materia, poiché queste non sono sempre sufficienti per rispondere a tutte le domande che si presentano. Con la presente, Bufete Escura analizza il caso della transnazionalità nell’ambito della Corporate Criminal Compliance.

Uno dei problemi è il caso della transnazionalità: cosa succede nei casi in cui la persona giuridica perseguita è straniera?

L’articolo 23.1 della Legge Spagnola della magistratura (LOPJ) stabilisce che “Nell’ordine penale deve corrispondere alla giurisdizione spagnola la conoscenza delle cause per i reati commessi nel territorio spagnolo (…), fatte salve le disposizioni dei trattati internazionale in cui la Spagna è una parte “. Nel caso di una persona giuridica straniera che ha commesso un reato in Spagna, la sentenza STS 583/2017, del 19 luglio, il Tribunal Supremo ha confermato la condanna che l’Audiencia Nacional aveva precedentemente imposto a una società in Mali che aveva commesso un reato di riciclaggio del denaro in Spagna. In effetti, questa stessa società era stata condannata per un crimine contro la salute pubblica in STS 154/2016, del 29 febbraio.

Tuttavia, la Sentenza della Audiencia Nacional 23/2016, del 18 luglio 2016, ha mostrato un’interpretazione discrepante basata sull’articolo 9 del Codice Civile Spagnolo. Secondo questa sentenza, non era appropriato concordare lo scioglimento di una certa società mercantile “perché non è una società nazionale spagnola, oltre alla sua possibile inesistenza evidenziata dalle relazioni della SVA cui si fa riferimento“. In questo contesto, va ricordato che il citato articolo 9.11 Codice Civile afferma che “La legge personale corrispondente alle persone giuridiche è determinata dalla loro nazionalità e governerà tutto ciò che riguarda capacità, costituzione, rappresentazione, funzionamento, trasformazione, dissoluzione ed estinzione. Nella fusione di aziende di diverse nazionalità, saranno prese in considerazione le rispettive leggi personali “.

Naturalmente, va tenuto presente che stiamo parlando della responsabilità criminale delle organizzazioni dotate di personalità giuridica, sebbene alcuni aspetti abbiano ripercussioni civili e / o amministrative (come il loro ipotetico scioglimento in caso di condanna, che dovrebbero essere registrati nel corrispondente registro commerciale). Pertanto, la contraddizione tra le due norme deve essere risolta, come fa il Tribunal Supremo, a favore di disposizioni penali, sebbene nei casi in cui la legge interna di uno Stato straniero sia pregiudicata, le disposizioni di tale legge devono necessariamente rispettare le disposizioni di tale altro Stato.

Un’altra domanda che può essere posta è l’opposto, ossia, che accade quando una persona giuridica spagnola commette un reato in uno Stato straniero.

In questo caso, dobbiamo rispettare le disposizioni dell’articolo 23.2 LOPJ che i tribunali spagnoli sapranno “di crimini che sono stati commessi al di fuori del territorio nazionale, a condizione che i criminali responsabili fossero spagnoli o stranieri che avevano acquisito la cittadinanza spagnola dopo la commissione dell’evento e sussistano i seguenti requisiti:

a) che l’atto è punibile nel luogo dell’esecuzione, a meno che, in virtù di un trattato internazionale o di un atto normativo di un’organizzazione internazionale di cui la Spagna è parte, tale requisito non sia necessario, fatte salve le disposizioni delle seguenti punti.

b) Che il danneggiato o il pubblico ministero interpellano una denuncia dinanzi ai tribunali spagnoli.

c) Che l’autore del reato non è stato assolto, perdonato o punito all’estero o, in quest’ultimo caso, non ha rispettato la sentenza. Se solo in parte è stato adempiuto, sarà preso in considerazione per ridurre proporzionalmente quello corrispondente “.

Pertanto, e senza dimenticare le altre disposizioni di questo stesso articolo (che non sono citate come ridondanti), una persona giuridica spagnola che ha commesso un reato all’estero (ad esempio, tramite un procuratore che viaggia all’estero) può essere condannata secondo le regole Articolo 31 bis CP se l’atto era criminale nell’altro Stato.

Infine, va ricordato che, nei casi di gruppi di società operanti a livello multinazionale, i programmi di conformità della capogruppo non devono servire le loro sussidiarie in quanto tali, ma devono avere i propri, adattati alla legislazione di ciascunano degli Stati in cui operano. Fatto salvo quanto sopra, il Programma della Capogruppo può essere utilizzato per alcune linee guida generali, ma è di fondamentale importanza, per quanto finora illustrato, che i Programmi delle società controllate si adeguino alle legislazioni interne.

2017-12-20T14:15:29+00:00 20 de diciembre, 2017|Italian Desk|Sin comentarios